Share |

Il Santo del giorno

 

Aprile 2018
LU MA ME GIO VE SA DO
       1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

16 Aprile

Nome: BERNADETTE

S.ta BERNARDETTE SOUBIROUS
Vergine (1844-1879)

 

Era l’ultima nata nella povera famiglia di un mugnaio di Lourdes, che la sfortuna aveva ridotto in estrema povertà. Aveva visto la luce il 7 gennaio 1844. Nel suo poverissimo vestito di pastorella aveva un solo “gioiello”: una corona del Rosario che recitava ogni giorno. A 14 anni, era pressoché analfabeta, non riusciva a imparare il catechismo per poter ricevere la prima Comunione. Era afflitta dall’asma cronica, non era apprezzata dalle coetanee… Eppure l’11 febbraio 1858, una fredda giornata d’inverno, un fatto straordinario cambiò la sua vita e in seguito la vita di milioni di persone. Presso la rupe di Massabielle, in una piccola grotta, Bernardette vide una splendida “Signora, vestita di bianco, con un nastro celeste annodato alla vita e con le estremità lunghe fin quasi ai piedi”. La visione durò il tempo che la piccola impiegò per recitare il suo Rosario”. Era la Madonna che le affidava un messaggio di conversione e di penitenza per l’umanità, chiedeva una cappella a Lei dedicata, fece scaturire una sorgente prodigiosa, e chiamava tutti a cambiare vita.
Al termine delle apparizioni, la Signora le disse: “Io sono l’Immacolata Concezione”. Si rinnovò a Lourdes il tempo del Vangelo: ciechi che riacquistavano la vista, storpi che camminano, malati gravissimi e morenti che ricuperavano la salute… Ella si ritirò nel silenzio e nel nascondimento prima a Lourdes, poi tra le suore di Nevers, consacrandosi a Dio per sempre. Accettò, lieta di pregare, di soffrire e di offrire per la gloria di Dio, in conformità a gesù, in riparazione dei peccati del mondo, per la conversione dei peccatori come le aveva chiesto la Madonna. Non le mancò mai il sorriso e una letizia profonda nell’anima: “Maria SS.ma, l’Immacolata è così bella – diceva – che dopo averla vista una volta, non si attende altro che di rivederla in Cielo per sempre”. E andò a vederla, a soli 35 anni, il 16 aprile 1879. L’8 dicembre 1933, Papa Pio XI la iscrisse tra i santi.