Share |

Il Santo del giorno

 

Aprile 2021
LU MA ME GIO VE SA DO
    1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

27 Marzo

Nome: GRAZIA

Beata GRAZIA DI VALENZA
Penitente (1494-1616)

 

Ci sono due antiche Sante, tutt’e due spagnole, con questo nome. La Grazia che vogliamo ricordare è anch’essa spagnola. Non capita spesso che l’arco di una vita umana tocchi tre secoli diversi, come li toccò invece, e abbondantemente, la vita di questa Beata pluricentenaria. Ella, nata nel 1494, sarebbe vissuta per tutto il ‘500, i primi tre lustri del ‘600. Morì nel 1616. A conti fatti, avrebbe dunque raggiunto l’età, quasi incredibile, di 122 anni! La carriera spirituale di questa donna fu lineare e costante, sempre tesa verso un ideale di perfezione. Nata a Monçanera, da famiglia modesta, fu priva di beni di fortuna, ma ricca di doti spirituali, e non provvista di pregi umani. Educata dai Domenicani, si distaccò gradualmente dalle cose del mondo e dalle ambizioni terrene, anche quelle legittime di una casa, di uno sposo, di una famiglia. Alla morte dei genitori, seguì la sua vocazione alla rinunzia e alla penitenza, alternando al lavoro la preghiera e le opere buone. Raccolse intorno a sé un gruppo di fanciulle, creando una specie di comunità, da lei guidata. Poi, per serbarsi umile, abbandonò le discepole e si allontanò dal paese natale, recandosi a Valenza in veste di mendicante. Povera per servire i poveri, le sue virtù furono presto notate e ammirate dai cittadini di Valenza, che fecero a gara per aiutarla.
Una signora, Geronima Monsarrada, le offerse una casa: Grazia la trasformò in una cella di penitenza e in un focolare di preghiera. Sui quarant’anni, si fece Terziaria di San Francesco di Paola, seguendo rigorosamente la dura Regola del Terz’ordine dei Minimi. Inasprì le penitenze; raddoppiò le privazioni; intensificò la preghiera. E parve che il tempo per lei si fermasse, per venti, quaranta, addirittura ottant’anni. Quando finalmente chiuse gli occhi, aveva ben meritato del proprio nome, e del titolo di Santa: esemplare per tutte le donne che ripetono il nome di Gra-zia, alle quali sembra augurare vita altrettanto lunga e serena.