Share |

Il Santo del giorno

 

Aprile 2021
LU MA ME GIO VE SA DO
    1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

8 Marzo

Nome: GIOVANNI

S.GIOVANNI DI DIO
Fondatore (1495-1550)

 

Si chiamava Giovanni Ciudad ed era nato a Montemoro Novo in Portogallo, nel 1495. Fino a 40 anni passò da un mestiere all’altro, come un uomo che non avesse vocazione, che non trovasse la sua strada. Fu pastore, contadino, soldato, soccorritore degli schiavi, venditore ambulante e infine venditore di libri e di immagini sacre nella città di Granada in Spagna. Proprio a Granada, gli capitò di sentire le parole ardenti di un predicatore che invitava gli ascoltatori a darsi totalmente a Dio. Giovanni, toccato interiormente dalla Grazia, si liberò di tutto quanto aveva distribuendolo ai poveri per le strade. Per questo suo gesto, fu considerato fuori di sé e rinchiuso all’ospedale, quasi fosse un demente. Ma era più sano che mai. La realtà dell’ospedale lo turbò profondamente: se davvero amava Dio, non poteva tollerare che i suoi figli più deboli fossero lasciati privi di cure e di assistenza. Appena uscito dall’ospedale con una fiducia grandissima nella divina Provvidenza e grazie alla carità di alcuni cristiani generosi, Giovanni fondò a Granada un ospedale con criteri di efficienza e di previdenza. Presto trovò un buon numero di amici, con i quali gettò le basi dell’Ordine degli Ospedalieri, detti “Fate bene Fratelli”, per il monito frequente che egli rivolgeva loro per sollecitare la carità verso i sofferenti. Così da figura quasi insignificante, Giovanni, mosso dal suo grande amore a Gesù Cristo e ai più bisognosi, secondo la sua parola, “Quel che hai fatto al più piccolo dei miei fratelli, l’hai fatto a me” (Mt 25,40), diventò apostolo dei malati e fondatore di una Famiglia religiosa a loro servizio. Curò soprattutto i malati mentali e persino anticipò alcuni metodi della psicoterapia moderna, curando lo spirito per guarire il corpo; separò gli infettivi dagli altri, curò ciascuno secondo la sua infermità, trattando tutti con amabilità e pazienza, a cominciare dai più difficili, i malati di mente. Morì a soli 55 anni nel 1550 nella fede e nella carità più eroica.