Share |

Il Santo del giorno

 

Maggio 2020

22 Aprile

Nome: CAIO

S. CAIO
Papa (III sec.)

 

Era cittadino romano, ma di origine dalmata, parente di Diocleziano, anch’egli dalmata. Caio stabilì la propria sede a Roma, capitale del nuovo Impero cristiano. E proprio a capo di quell’Impero spirituale, il dalmata Caio venne chiamato verso il 283, quando morì il Papa Sant’Eutichiano. I primi anni del suo pontificato furono tranquilli. Non si sa molto sull’attività organizzativa e disciplinatrice di San Caio. Pare che confermasse gli Ordini della gerarchia ecclesiastica. Qualche volta dovette subire minacce e pericoli personali, perché fu costretto a nascondersi nelle Catacombe del cimitero di San Callisto. Ma gli anni pacifici durarono poco. Diocleziano iniziò la sua inaspettata e inspiegabile persecuzione, limitazioni di libertà, sanzioni di carattere civile, epurazioni nelle file dell’esercito, finché, all’alba del secolo nuovo, non si scatenerà la vera e propria orgia di sangue. Papa Caio vide soltanto il gelo della diffidenza gravare sulla Chiesa; il livore della paura sbiancare il volto dei fedeli; il vuoto del sospetto scavarsi attorno al gregge cristiano. Vide i primi generosi martiri, come il nobile cavaliere Sebastiano, trafitto dalle frecce degli arcieri. Caio morì verso il 395. Gli antichi testi gli danno esplicitamente la qualifica di Confessore. Più tardi però si volle attribuire anche a lui la gloria del martirio. Giustamente egli è stato onorato come martire, nella chiesa romana a lui dedicata anticamente presso quella di Santa Susanna, anche se la sua epigrafe sepolcrale, che si crede di aver ritrovato nelle Catacombe di san Callisto, non porta incisa, accanto al nome, la palma del martirio.