Share |

Il Santo del giorno

 

Agosto 2019

13 Agosto

Nome: PONZIANO, IPPOLITO

Santi PONZIANO e IPPOLITO
Martiri (III sec.)

 

Ponziano, discendente di una delle più nobili famiglie di Ro-ma, quella dei Calpurni, successe nel 230 al Papa Sant’Urbano, in tempi di tolleranza religiosa, sotto il giusto Imperatore Alessandro Severo. Il nuovo Papa poté così proseguire l’opera di consolidamento amministrativo della Chiesa, iniziata dai suoi predecessori. Ma in tempo di tranquillità esterna, la fede era minacciata dai pe-ricoli interni. Proprio sotto il pontificato del saggio Ponziano si aprì, nella Chiesa romana, uno scisma.
A provocarlo fu Ippolito, sacerdote coltissimo, conoscitore delle Scritture, e ossequiente alla tradizione. Moralista troppo severo, Ippolito vedeva ovunque eretici insidiosi e innovatori rivoluzionari. Trovava la Chiesa eccessivamente indulgente nella remissione dei peccati, troppo tollerante nel benedire i matrimoni tra uomini e donne di condizione sociale diversa (che la legge pagana non riconosceva validi). Ippolito fu così il primo Antipapa, cioè il primo Papa separato, contrapposto a quello legittimo per elezione e ortodosso per dottrina. La sua fu una ribellione in buona fede, ispirata da sacro zelo, dietro il quale si nascondeva però una certa superbia spirituale. Ma alla morte del mite Imperatore Alessandro Severo, ucciso dai legionari in Germania, il suo successore, Massimino, riprese la persecuzione contro i cristiani, e a quel punto la distinzione tra eretici e ortodossi, legittimi e scismatici, passò in secondo piano.
La Chiesa di Roma appariva divisa e mostrava due Papi: Ponziano, vero Pontefice, e Ippolito Antipapa. Massimino colpì scismatici e ortodossi, per lui ugualmente nemici dell’Impero. Esiliò così in Sardegna tanto Ponziano quanto il suo rivale Ippolito. Era la prima volta che un Papa veniva, non martirizzato, ma deportato, lasciando senza guida la comunità cristiana. Perché la sede apostolica non restasse vacante, Ponziano rinunziò al pontificato in favore del greco Antero. Il gesto commosse l’altro prigioniero, l’Antipapa Ippolito, scismatico in buona fede. Egli dichiarò disciolta la sua chiesa illegittima e invitò i suoi seguaci a rientrare in seno alla vera Chiesa. Ambedue, Ponziano e Ippolito, morirono dopo pochi mesi di durissima vita, nelle miniere della Sardegna.