Share |

Il Santo del giorno

 

Settembre 2022
LU MA ME GIO VE SA DO
    1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

23 Agosto

Nome: ROSA

S.ta ROSA da LIMA
Vergine (1586-1617)

 

Santa Rosa da Lima è la voce del primo fiore di santità del continente americano. E’ una voce che scuote la nostra indifferenza, anzi la nostra avversione a ogni forma di sofferenza. Santa Rosa fu spagnola di discendenza, ma americana di nascita. Nasce in Perù dalle leggendarie ricchezze che, dopo la distruzione dell’impero degli Incas, fu paese di preda e di strage. Rosa da Lima fu Santa di sofferenza, e in questa indicò l’unica via della redenzione cristiana. Anche il suo nome di battesimo, gentile e delicato di Isabella, venne mutato in Rosa, il nome del fiore vermiglio di colore e acuto di spine. Fin dalla fanciullezza, ebbe come modello Santa Caterina da Siena. E fin da bambina, Rosa inflisse continue mortificazioni alla propria vanità. Quando la malattia e il bisogno bussarono alla sua casa, la devota fanciulla fu l’instancabile soccorritrice dei propri genitori, che curò nelle infermità e aiutò nelle ristrettezze. A vent’anni indossò l’abito del Terz’Ordine di San Domenico, e pur seguitando a vivere con la famiglia nella capitale coloniale spagnola, Rosa visse nell’austerità e nella solitudine. Nell’età in cui le giovani delle famiglie cittadine sognavano la vita elegante e un matrimonio prestigioso, Rosa mortificava la carne con i digiuni, col cilicio, con frequenti flagellazioni. Viveva isolata, in una celletta in fondo al giardino, riposando su un letto durissimo, la testa appoggiata sul legno. Nel caldo clima tropicale le zanzare erano come un’aureola di penitenza, offerta al Signore per la conversione di tanti infelici. Le autorità religiose e gli stessi confessori furono quasi scandalizzati dalla condotta della reclusa volontaria. Non le furono risparmiate critiche e maldicenze. Rosa seguitava a pregare, ripetendo l’invocazione che definisce il suo eroismo: “O mio Gesù, aumenta le mie sofferenze, ma aumenta anche in me il tuo divino amore”. E quell’amore commosse tutto il paese. Dopo la sua morte, avvenuta a soli trentun anni, nel 1617, tutta la città di Lima riconosce la giovane terziaria domenicana come prima Santa del Nuovo Mondo, e patrona dell’America Latina.