Share |

Il Santo del giorno

 

Dicembre 2022

13 Settembre

Nome: GIOVANNI

S. GIOVANNI CRISOSTOMO
Vescovo e Dottore della Chiesa (350-407)

 

Giovanni nacque a Antiochia nel 350. Sua madre, rimasta vedova a 20 anni, lo educò in modo meraviglioso. Il giovane condusse vita eremitica prima in casa, approfondendo i suoi studi, poi da anacoreta sulle montagne; ma presto dovette ritornare in famiglia per la malferma salute. Sacerdote di Cristo a 32 anni, diventò il primo collaboratore del Vescovo S. Flaviano, cominciando a predicare con singolare passione ed eloquenza, ascoltatissimo. Nel 397, l’imperatore Arcadio lo volle Patriarca di Costantinopoli. Consacrato Vescovo, uomo tutto di Dio, coltissimo, modesto, affabile e insieme tagliente contro il vizio e il lusso, lontano dai compromessi e dalla diplomazia, si fece amare dal popolo, per la sua parola ardente; ma fu anche odiato dai potenti cui rinfacciava le sregolatezze e i soprusi. Per la sua parola appassionata in seguito lo chiamarono “Crisostomo”, cioè “bocca d’oro”. Diventato inviso all’imperatrice Eudossia e ai dignitari della corte nel 403 in un “sinodo” abusivo fu deposto dalla carica e costretto all’esilio in Bitinia. A questo punto il popolo di Costantinopoli si sollevò e costrinse la stessa imperatrice a richiamarlo. Dopo pochi mesi, un’altra congiura lo costrinse a un nuovo esilio sul mar Nero. Per deportarlo, in mezzo al popolo minaccioso, fu necessario un’intera legione di soldati. Nonostante tante sofferenze, continuò un mirabile magistero, che diversi stenografi raccolsero in più volumi. E così divenne un grande maestro non solo per il suo popolo ma anche per i posteri.
I suoi libri sono la più vasta produzione dei Padri greci e tra di essi ricordiamo le “Catechesi sul Vangelo di Matteo”. Dall’esilio, il grande esule continuò ad ammaestrare e incoraggiare il suo popolo. Che “soffino pure tutte le bufere, mai nessuna potrà affondare la navicella di Cristo, perché Egli è con noi”. Il Crisostomo è anche detto “il dottore dell’Eucaristia” per il suo amore al Corpo e Sangue di Cristo. Morì il 14 settembre 407 a Comana sul Mar Nero. E’ il primo dei quattro grandi Dottori d’Oriente.