Share |

Il Santo del giorno

 

Marzo 2021

1 Marzo

Nome: ALBINO

S.ALBINO
Vescovo (†554)

 

Sant’Albino non si riteneva degno di essere vescovo, né di portare la mitria, né di maneggiare il pastorale. Era un semplice monaco di Angers, in Francia, e per il monastero aveva rinunziato al titolo nobiliare e al feudo paterno. Ma per le sue virtù di monaco fu eletto superiore del convento e per 25 anni fu Abate; e come era stato monaco obbediente, fu Abate zelante e autorevole. Quando la cattedra episcopale di Angers fu vacante, venne subito fatto il nome di Albino. Popolo e clero lo elessero unanimi, senza che egli lo sospettasse. Si vide allora il grave e anziano monaco umiliarsi in tutti i modi davanti al suo futuro gregge: si disse troppo vecchio; si proclamò indegno; si accusò di pochezza; si confessò peccatore.
Ma la sua modestia e la sua umiltà confermarono ai presenti che la scelta era caduta nel giusto. Albino dovette accettare la e-lezione; eletto Vescovo di Angers fu pastore esemplare e vescovo di grande fede, speranza e carità. La Francia nel VI secolo, durante la cosiddetta “conversione dei Franchi”, e dopo le rovine seminate dalle ultime invasioni degli Unni era un vero e proprio campo di guerra. In ogni diocesi c’erano battaglie spirituali e materiali, tenzoni morali, controversie dottrinali. E Sant’Albino fu combattente fermissimo, anche se caritatevole; alacre anche se prudente. Ebbe un ruolo di primo piano nel terzo concilio di Orléans. La diocesi di Angers fiorì e fruttificò attorno al Santo Vescovo, umile ma non remissivo, che morì ottantenne, nel 550, e che già da molto tempo era venerato come Santo dal suo popolo.

1 Marzo

Nome: RUGGERO

Beato RUGGERO LEFORT
Vescovo (1277-1367))

 

Sono numerosi i beati che portano il nome di Ruggero: Ruggero Dickenson, martire, morto nel 1591 e festeggiato il 7 luglio; Ruggero di Elan, abate cistercense, morto nel 1160 e festeggiato il 4 gennaio; Ruggero James, martire benedettino, morto nel 1539 e ricordato il 15 novembre; e Ruggero Lefort.
Figlio del signore di Ternes nel Limousin, divenne giurista e nel 1321, mentre era suddiacono, fu eletto vescovo di Orléans; nel 1328 fu trasferito a Limoges dove istituì una festa in onore dell’Immacolata Concezione. Poi fu trasferito a Bourges dove incontrò, sembra, un’opposizione abbastanza vivace ed ebbe da combattere un certo rilassamento di costumi.
Nel 1356, aiutò gli abitanti di Bourges a difendersi contro un attacco degli Inglesi che assalivano la città. Morì il 1 marzo 1367, all’età di novant’anni. Nel testamento lasciò tutti i suoi beni per l’educazione dei ragazzi poveri. Aveva chiesto di essere sepolto nel monastero fondato da lui a Ternes, suo paese natale, ma questa sua volontà non fu rispettata e fu sepolto nel coro della cattedrale di Bourges.