Share |

Il Santo del giorno

 

Agosto 2019

21 Agosto

Nome: PIO

S. PIO X
Papa (1835-1914)

 

Si chiamava Giuseppe Sarto e nacque a Riese (Treviso) il 2 giugno 1835. Intelligentissimo, si sentì presto chiamato a farsi prete. Intraprese gli studi con notevole sacrificio e poté continuarli al Seminario di Padova, grazie all’aiuto del patriarca di Venezia. Ordinato prete a 23 anni, nel 1858, per nove anni fu cappellano a Tombolo e per altri nove parroco a Salzano. Si rivelò subito un vero pastore, preoccupato della salvezza eterna delle anime, capace di istruire nella fede e di avviare i suoi fedeli, a cominciare dai giovani, a un’intensa vita cristiana mediante la preghiera, la frequenza assidua e regolare alla Confessione e alla Comunione, all’impegno della carità e dell’apostolato. Illustre per dottrina e santità di vita, diventò canonico della cattedrale di Treviso e direttore spirituale del seminario. Leone XIII il 18 aprile 1885 lo inviò Vescovo a Mantova per nove anni, amatissimo per il suo stile pastorale semplice, gioviale, affabile con tutti. Nel 1853, fu chiamato da Leone XIII a diventare Cardinale Patriarca di Venezia. Nella città dei dogi, il Card. Sarto avviò la formazione di santi preti, l’istruzione catechistica della gioventù, sostenne l’impegno dei cattolici nella vita politica, si interessò dei poveri e dell’industria nascente. Il 4 agosto 1903, contro la sua volontà, fu elevato al Sommo Pontificato e volle chiamarsi Pio X, con il nome dei Pontefici, - disse - che più avevano sofferto per la Chiesa. Fin dall’inizio, il suo programma fu di “instaurare tutte le cose in Cristo” (Ef 1, 10). Condannò il modernismo “cumulo di tutte le eresie” con l’enciclica Pascendi e il decreto Lamentabili (8 set-tembre 1907), promulgò il suo famoso Catechismo (detto poi di S. Pio X) per l’istruzione sicura dei ragazzi e degli adulti, promosse la Comunione frequente e aprì il tabernacolo anche ai bambini. Non ebbe alcuna paura di affrontare senza alcun compromesso gli errori del tempo. Fu un faro di santità, piissimo, saggio e forte, amabile come un padre. Morì il 20 agosto 1914 alla vigilia della “grande guerra”, che egli aveva fatto di tutto per evitare. Fu canonizzato dal Servo di Dio Pio XII nel 1954.