Share |

Il Santo del giorno

 

Marzo 2021

24 Gennaio

Nome: FRANCESCO

S. FRANCESCO DI SALES
Vescovo e Dottore della Chiesa (1567-1622)

 

Primogenito di una antica famiglia aristocratica della Savoia, studiò lettere e filosofia a Parigi, diritto civile a Padova, dove frequentò la casa dei Gesuiti e cominciò a studiare teologia per conto suo. Rientrato in patria, il padre, assai orgoglioso di lui, lo introdusse come avvocato nel senato di Chambery, ma Francesco troncò subito quella brillante carriera per farsi prete. Appena ordinato, andò a fare il missionario nello Chablais in mezzo ai protestanti per riportarli alla Chiesa cattolica. Siccome pochi lo ascoltavano, affidò le sue prediche a dei fogli che affiggeva sui muri delle case o faceva circolare tra la gente. Le conversioni dei protestanti alla Chiesa Cattolica giunsero così numerose che in una relazione inviata al Papa nel 1603, si legge che erano state venticinquemila le persone che avevano cambiato vita. Nel 1602, Francesco venne consacrato Vescovo di Ginevra, ma per i 20 anni del suo episcopato dovette risiedere ad Annecy, perché a Ginevra, quasi tutta calvinista, la presenza di un Vescovo cattolico non era gradita. Nella sua diocesi, c’erano 450 parroc-chie: lui le visitò tutte una ad una, sostandovi a lungo, ricevendo preti e fedeli, facendo il catechismo ai ragazzi, preparando un buon numero di laici come operai della dottrina cristiana.
Capolavori sono: la “Filotea” (Introduzione alla vita devota) e il “Trattato dell’amore di Dio” (Teotimo) in cui, sostiene che tutti, in ogni condizione, laici e coniugati e non solo preti e suore, sono chiamati alla santità. Recatosi a Digione, conobbe la virtù di Giovanna Francesca di Chantal e con essa fondò nel 1610 l’Ordine della Visitazione. Mentre era a Lione, improvvisamente morì il 28 dicembre 1622 a soli 55 anni. Francesco, uomo vene-rabile, fu proclamato da Pio IX nel 1877 dottore della Chiesa; don Bosco lo volle patrono dei Salesiani, Pio XI nel 1923 lo proclamò patrono della stampa cattolica e dei giornalisti.